Consiglio comunale settembre: ecco i nostri argomenti

Adesione a “Città Slow – Rete internazionale del buon vivere”, intitolazione di una via o di una piazza ai magistrati vittima della Mafia Falcone e Borsellino, presenza di amianto in città e relativa mappatura dei siti a rischio, il proeguio dell’iter dei lavori di rifacimento della pista di atletica dello Stadio De Paoli (e del conseguente ricorso al Tar contro il Comune delle ditte Cauda Strade Srl e  ATI Polytan Gmbh/Agrogreen) e lotta alla diffusione del virus Zika.

Questi alcuni degli argomenti che la capogruppo di di Forza Italia in Consiglio comunale, Rachele Sacco, porterà all’attenzione della prossima assemblea comunale del (mettere date corrette consiglio) prossimo.

Due le mozioni cui Sacco vorrebbe dare particolare rilevanza. La prima riguarda l’adesione della città di Chieri all’associazione Città Slow – che si ispira al concetto della valorizzazione delle eccellenze del territorio e alla promozione di una cultura “slow” – in cui si intende chiedere all’Amministrazione di mettere in atto tutte le azioni necessarie affinché Chieri possa rientrare nella rete internazionale delle “città del buon vivere”. Nella seconda viene chiesta l’intitolazione di una via o di una piazza ai Magistrati vittima della Mafia, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, in modo da tenere vivo lo spirito e il ricordo di uomini coraggiosi che contro la Mafia hanno lottato fino alla morte.

Tante le interrogazioni che verranno sottoposte all’attenzione del parlamentino nichelinese. FI chiederà delucidazioni sulla situazione dell’amianto in città attraverso due interpellanze in cui verrà chiesto cosa il Comune intenda fare su alcuni siti a rischio e la relativa mappatura, già chiesta dalla consigliera nel settembre del 2016 e mai ottenuta.

A tenere banco sarà anche la questione del ricorso al Tar contro il Comune di Chieri avanzato dalla ditta Asti Asfalti Srl in merito al progetto di insediamento del nuovo centro commerciale nell’area Ex Gunetti, lo stato di avanzamento relativo al rifacimento della pista di atletica dello Stadio De Paoli e i provvedimenti che l’Amministrazione intende prendere contro il virus Zika, la cui diffusione sta assumendo i contorni di una nuova emergenza sanitaria globale .

Infine, cosa intende fare l’Amministrazione in merito ai dehors installati in piazza Cavour  e che ben 10 posti auto hanno sottratto ai cittadini chieresi in pieno centro storico? E visto che l’introito proveniente dal pagamento della tassa sul suolo pubblico è minore rispetto a quello derivante dall’occupazione giornaliera dei posti auto, come verranno compensati questi ammanchi?

Richiesti chiarimenti anche sulla Sentenza del Tar su impianto di cantiere in Via San Domenico 10: perché l’Amministrazione non ha mandato la relazione richiesta dal Tar? Quali sono le motivazioni del mancato controllo di stabilità e pericolosità della gru presente nel cantiere? Visto che il comune sarà chiamato a rifondere 2mila euro per le spese processuali, a chi si intende addebitare i costi visto le inesattezze e le inadempienze del comune?