«Lavori nel centro storico programmati a settembre? Non c’è mai rispetto per i commercianti»

Strade chiuse, percorsi deviati e negozianti infuriati. Il centro storico di Chieri è entrato in modalità cantiere in uno dei periodi più “trafficati” dell’anno: settembre.

«Hanno iniziato i lavori proprio qualche giorno prima della notte bianca e della riapertura delle scuole – fa notare Rachele Sacco capogruppo FI Chieri – Non vengono mai programmati con un senso logico e questo non fa altro che danneggiare gli esercizi commerciali. Possibile che con tutti mesi estivi, quando negozi e scuole erano chiusi, dovevano essere programmati proprio i primi giorni di settembre?»

Una storia in realtà già sentita: «Era già successo lo scorso Natale in piazza Umberto I – ricorda la consigliera di opposizione – Ma nemmeno a farlo apposta si riuscirebbe a fare un caos simile». La consigliera aveva infatti già presentato lo scorso dicembre un’interrogazione in Consiglio comunale

«La manutenzione è necessaria ed imprescindibile, ma i lavori non possono essere programmati durante i periodi di maggior attività del commercio- Fare politica significa partecipare alla vita e alle necessità dei cittadini. Soprattutto quando il programma della maggioranza incantò per la sua attenzione alla valorizzazione del centro storico».