Un modello di accoglienza? Solo parole zero fatti

La Giunta Comunale di Chieri oggi ha condiviso un comunicato di solidarietà verso il Sindaco di Riace, Mimmo Lucano, e ha espresso preoccupazione per l’attacco a un modello di accoglienza e integrazione riconosciuto a livello internazionale.

Ora noi ci chiediamo? Ma qual è il tempo dedicato dalla Giunta di Chieri a sostenere azioni lontane da noi migliaia di chilometri rispetto al tempo che si investe per i propri cittadini?

Vogliamo parlare di progetto di accoglienza? Benissimo parliamone, ma concretamente per Chieri e non per solidarietà “fintamente populista” verso la Locride.

Pienamente in accordo con le parole del Vescovo di Locri Gerace Monsignor Francesco Oliva che ricorda come “L’accoglienza dei migranti, negli ultimi anni, ha visto coinvolte tantissime realtà territoriali [….]E’ stata una gara di solidarietà che ha visto impegnarsi in prima persona il sindaco di Riace e non solo. “

Non ci è sembrato di vedere in prima linea il Sindaco di Chieri.

Io prenderei come consiglio le parole del Monsignore e cercherei di attivare operazioni concrete invece di stilare lettere di solidarietà.”

Come al solito,e come ribadito l’altra sera al convegno, si fa presto a usare le parole come scudo o come spada ma chi fa la differenza è chi scende in mezzo alla piazza e si allinea con le problematiche comuni della Città di Chieri.