Sacco FI, candidata al Senato: “Essere candidata al Senato della Repubblica è una sorpresa e insieme un grande onore”

Una candidatura inaspettata quella di Rachele Sacco coordinatrice e capogruppo di FI Chieri annunciata ufficialmente questa mattina nella conferenza stampa nella sede di Don Minzoni a Torino: “Essere candidata al Senato della Repubblica è una sorpresa e insieme un grande onore – dichiara Sacco- Devo innanzitutto ringraziare il nostro Presidente Silvio Berlusconi e i vertici del partito.  Non posso che essere lusingata dalle parole che il coordinatore regionale Gilberto Pichetto mi ha dedicato questa mattina. Saper d’essere stata scelta dal partito per il mio lavoro sul territorio è un gran riconoscimento”.
Sacco potrebbe rappresentare quindi il Chierese a Roma: “Poter aver la possibilità di essere uno dei volti che potrebbero supportare il nostro territorio anche a livello nazionale mi gratifica e soprattutto fortifica la mia determinazione nel lavorare quotidianamente per dare il mio contributo al Paese. Sono stati anni impegnativi, nei quali ho portato avanti battaglie importanti per i miei concittadini e che ora assumono un valore ancora maggiore.”
Al primo posto della coordinatrice ovviamente la lotta al mantenimento   e potenziamento degli ospedali dei servizi sanitari e la tutela della salute: “Ma soprattutto la necessità di portare avanti anche a livello nazionale le problematiche in materia di lavoro che stanno affliggendo il nostro territorio, come per esempio  la chiusura imminente dell’Embraco. Senza dimenticare tutto ciò che riguarda la sicurezza sui territori dove ogni giorno il clima è sempre più inquietante e difficile come gli ultimi fatti di cronaca cittadina lo dimostrano”
Queste elezioni politiche saranno un’importante cartina tornasole per il futuro del Piemonte e delle nostre città: “Senza il lavoro costante sui territori non si possono fare coerenti politiche nazionali – marca Sacco – Voglio infine esprimere un altro ringraziamento: a tutte le persone che in questi anni di attività politica ho incontrato nelle piazze con le quali ho affrontato e cercato di risolvere piccoli e grandi problemi. Lo rivolgo anche a tutte le associazioni culturali e di volontariato, ai rappresentanti delle attività produttive e alle Forze dell’Ordine. Insomma, voglio esprimere il mio apprezzamento sincero a chi mi affianca ogni giorno è confermo sin da ora che la mia attività futura resterà sempre e comunque  attenta al nostro territorio.”
Ma ci sono ancora tante cose da fare: “E battaglie da portare avanti e sostenere per noi e per le future generazioni. Con il  sostegno di tutti, sono certa, che potremmo riprenderci la nostra identità di Popolo Italiano” .