Sicurezza e politiche per il lavoro, ma anche igiene pubblica e amianto.

Sono alcuni degli argomenti che la consigliera Rachele Sacco, capogruppo FI, discuterà durante la seduta del Consiglio Comunale prevista per giovedì 22 marzo alle 19.30. Si parte con la mozione urgente “Più sicurezza”, che propone di intensificare i pattugliamenti e la videosorveglianza delle zone più delicate, migliorandone anche l’illuminazione notturna. Il tema sicurezza prosegue con l’interrogazione per la ”Sicurezza e controllo del vicinato” con la quale la consigliera di opposizione proporrà di creare delle reti finalizzate alla protezione autonoma dei quartieri. Un filo rosso presente anche nell’interrogazione a tema “illuminazione sicura” in “Via della Gualderia”, nella quale s’interroga l’amministrazione a mettere in sicurezza una strada resa già di per sé pericolosa dalla presenza di una curva a gomito, ma anche a controllare l’illuminazione di strada Baldissero. Resta sotto osservazione la “Situazione amianto” della Città, già portata alla luce in una precedente seduta consiliare. Il tema della salute pubblica ricorre anche nell’interrogazione “Manutenzione straordinaria alvei dei rii, canali di scolo e rete fognaria”, finalizzata a monitorare la situazione del contaminato rio Tepice.
Dall’acqua alla terra: l’interrogazione “Concessione di occupazione del suolo pubblico ai dehors” esorta a verificare la legalità di alcune licenze possedute dagli esercizi commerciali, mentre “Piantumazione alberi spazio antistante alle Case Gialle” domanda se non ci siano interventi più urgenti da terminare.

È invece prioritario il monitoraggio della questione “economica chierese”, messa in evidenza con una mozione e un’interrogazione strettamente collegate tra loro. Si parte con la richiesta di uno sportello “Esdebitamento” per poi avere una panoramica sulla “Situazione occupazionale – lavoro a Chieri”, che mira a istituire un tavolo di lavoro e consulenza aziendale per scongiurare eventuali crisi occupazionali.

Resta da risolvere la questione di via Valle Balbiana, che ancora attende una toponomastica ufficiale. Infine “Cartelli” e “Transenne” interrogheranno la Giunta sullo stato di alcune strade ancora non totalmente disallestite dal passato Carnevale.