Respinte due nostre mozioni di collaborazione con gli enti del territorio

Chieri 31 marzo 2021 Nel corso dell’ultimo consiglio comunale, tenutosi in data 25 marzo scorso, abbiamo avanzato due interessanti proposte attraverso apposite mozioni. La prima riguardava la creazione di un manifesto per il Chierese e la seconda l’adesione alla carta di Intenti contro la violenza nei confronti delle donne. L’esito è stato il solito ovvero la maggioranza le ha respinte votando contro.

Eppure, la prima mozione riguardava l’idea di creare un manifesto ed un coordinamento, molto simile all’esperienza avviata nel Pinerolese, capace di mettere insieme molti attori del territorio; dai comuni, ai sindacati, alle associazioni di categoria e associazioni per studiare dei piani di rilancio economico del territorio, agli Istituti bancari, CCIAA di Torino e altri ancora. Un lavoro che stanno facendo molti territori, perché pare abbastanza ovvio che la ripresa passa attraverso azioni che vanno al di là del singolo comune e come minimo devono abbracciare un’area vasta. Chieri rappresenta per popolazione e servizi, un punto di riferimento per il proprio territorio e, quindi, dovrebbe farsi promotrice di un’attività di concerto con le altre realtà, non solo amministrative, del Chierese.

Evidentemente la maggioranza la pensa in maniera diversa, tanto che la mozione è stata liquidata e respinta dicendo che gli strumenti ci sono già e non sono necessari crearne di nuovi. Tra quelli che ci sono già c’è la costosa Chieri Partecipa (che già non funziona in città figuriamoci estesa al territorio).

Mozioni respinte per pura presa di posizione

Per la seconda mozione, l’adesione alla Carta degli Intenti contro la violenza sulle donne, redatta dall’Associazione Città delle Donne Aps, a cui hanno aderito già diversi comuni piemontesi, la motivazione è stata ancora più imbarazzante. Siccome non sono stati in grado di trovare il testo della Carta (magari potevano chiederla a chi ha presentato la mozione) allora hanno votato contro. Inutile dire come le due mozioni respinte siano solo l’ennesima occasione che la maggioranza fa perdere alla città ed ai chieresi di partecipare e agire, e lo fa per mera e cieca presa di posizione perché le proposte arrivano da noi e non da loro. E, intanto, il declino di Chieri è sempre più palese.

RACHELE SACCO Consigliere Comunale PROGETTO PER CHIERI – SALVIAMO L’OSPEDALE INSIEME
TOMMASO VARALDO Consigliere Comunale MISTO CHIERI

Leave a comment