“Stanze degli abbracci”: il Sindaco ci ha ascoltato, ma la maggioranza boccia la mozione

Chieri 28 novembre 2020 Subito dopo aver appreso dell’esistenza delle “stanze degli abbracci” presso alcune case di riposo italiane dove i cari possono incontrare in assoluta sicurezza gli ospiti delle rsa rimasti spesso isolati nel corso dell’emergenza Covid abbiamo proposto al Sindaco di acquistarle e donarle alle rsa chieresi. Tutti ricorderete che il Sindaco rispose che, nonostante trovasse l’idea di assoluto valore, non essendo competenza del Comune avrebbe scritto alla Regione per sollecitarne l’intervento. Gli fu detto, allora, che non era necessario aspettare la Regione. Il Comune poteva sostenere subito l’acquisto e l’installazione nelle RSA chieresi perché per anziani e famiglie non c’era più tempo.

Così, in Consiglio Comunale ieri sera, abbiamo appreso con soddisfazione che il Sindaco ha deciso di non aspettare più la Regione. La scorsa settimana il Comune si è mosso per poter contribuire all’ installazione nelle case di riposo locali delle “stanze degli abbracci”. Tutto bene, quindi, c’è la convergenza tra maggioranza e minoranza su una questione così importante. E no però! Perché sebbene nei contenuti siano tutti d’accordo, la forma no. Alla maggioranza, non va bene che la proposta sia venuta da Sacco e Varaldo, perché sarebbe già superata visto che l’Assessore Virelli ha già preso accordi per gli acquisti. Accordi non significa aver finalizzato per cui finché le stanze degli abbracci non sono installate, la mozione non è ancora stata attuata.

La maggioranza boccia la mozione di Sacco e Varaldo per le “stanze degli abbracci”

Alla maggioranza, piú dell’importanza di fornire un utile servizio ai cittadini fragili e bisognosi e dare un segnale forte approvando un atto all’unanimità in Consiglio Comunale, importa il “primato” dell’idea. Quindi il risultato uscito dalla votazione sulla mozione è stato: “siamo d’accordo, ma votiamo contro”, quindi RESPINTA. Si è persa, ovviamente, l’occasione per dimostrare che minoranza e maggioranza possono convergere quando l’argomento è davvero di utilità per i cittadini, al di là delle divergenze politiche. Siamo dispiaciuti, ma l’importante per noi rimane la realizzazione delle “stanze degli abbracci” e l’Assessore Virelli ha confermato che entro la fine dell’anno le stanze saranno installate anche a Chieri. Un grande risultato, anche con la mozione bocciata.

Nota congiunta dei consiglieri Sacco e Varaldo

Leave a comment